More to explore:

Radios

Watches

There’s more to see...
Come take a look at what else is here!
Visit site

Also on these boards

Related Pins

Antar lo sa, e l’ha fatto apposta. Quando ti toccano Giorgio, l’effetto è assicurato: chini la testa, piangi, ma almeno smetti di dire cattiverie.

Wu Ming 2 intervistato a Radio Città Fujiko.

La prima volta che sono salita su un palcoscenico, manco a dirlo, interpretavo una servetta. Dovevo dare una sola battuta – «La cena è in tavola» – ma mi bastò per capire che là sopra, sul palco, ero a casa mia.

Isabella Marincola, la mondina nera in Riso amaro.

Quale razza: intervista a Isabella Marincola

Il dottore mi aveva detto di andarci piano, massimo due compresse al giorno, ma non mi aveva spiegato il motivo e io non m’ero presa la briga di leggere il bugiardino, né di andare piú a fondo nell’etimologia di quel nome, Dimafen, che oltre alla promessa di una figura snella, conteneva anche un riferimento alla sua natura piú subdola: fen sta per fenfluqualcosa, un derivato dell’anfetamina. In meno di un anno persi trenta chili e arrivai a pesarne cinquantadue. Persi anche i denti.

Lascia che ci usino come portatori e che ci trattino come immondizia lascia che trattino i saggi della Lega come servitú. Finché l’Indipendenza per cui combattiamo non sarà reale non ci lasceremo turbare da quel che fanno gli italiani. Possano gli italiani essere distrutti e nulla restare di loro possano esplodere con le bombe ed essere fatti a pezzi possano essere sacrificati per la bandiera della Lega possa Dio esaudire le mie preghiere. TIMIRO UKASH

Sbucate su via Saragozza, ma il marciapiede è ingombro di fedeli che attendono la discesa della Madonna di San Luca. Di fronte alla vetrina di Sandra, la parrucchiera, due donne con i bigodini in testa e l’asciugamano a mo’ di stola, attendono la benedizione della Vergine prima di tornare a quella della messimpiega.

– Medea, – ci disse, – è l’antenata di tutte le donne che hanno subito la persecuzione razziale, di tutte quelle che vagano senza passaporto, da una nazione all’altra, e abitano i campi di concentramento, i campi profughi. Per come la sento io, ella uccide i figli perché non diventino vagabondi, perseguitati, affamati. Vuole estinguere il seme di una maledizione sociale e di razza, e quindi li uccide, in qualche modo per salvarli, in uno slancio disperato di amore materno.

Brava è una delle piú antiche città della Somalia, fitta di minareti e cupole di moschee, ancora piú bianca e luminosa di Mogadiscio. Gli italiani non l’hanno riempita di palazzi e viali alberati, cosí il suo aspetto è rimasto autentico, come nei vecchi quartieri della capitale, però piú curato e altezzoso. Gli abitanti parlano un dialetto simile allo swahili e sono considerati gente raffinata, per via delle loro tradizioni e della pelle molto chiara.

Wu Ming 2, Antar Mohamed, Timira. Romanzo meticcio, Stile libero Big