Explore Arte Commedia, Teatro Commedia, and more!

Explore related topics

La fortuna di questa maschera napoletana, che gli studiosi di teatro considerano come una varietà meridionale del carattere di Pantalone, deriva da un caso difficilmente spiegabile: l’accento di Bisceglie, con una cantilena leggermente lamentosa, desta alle orecchie dei napoletani una irrefrenabile ilarità. Per interi secoli è bastato che sui manifesti degli spettacoli apparisse lo striscione « con Pancrazio, il Bisceqliese » per assicurare il tutto esaurito.

La fortuna di questa maschera napoletana, che gli studiosi di teatro considerano come una varietà meridionale del carattere di Pantalone, deriva da un caso difficilmente spiegabile: l’accento di Bisceglie, con una cantilena leggermente lamentosa, desta alle orecchie dei napoletani una irrefrenabile ilarità. Per interi secoli è bastato che sui manifesti degli spettacoli apparisse lo striscione « con Pancrazio, il Bisceqliese » per assicurare il tutto esaurito.

Man with tall hat, fake, long nose and sash worn over striped costume, standing on white ground; illustration to Riccoboni's 'Histoire du th...   Habit de Giangurgolo calabrois

Man with tall hat, fake, long nose and sash worn over striped costume, standing on white ground; illustration to Riccoboni's 'Histoire du th... Habit de Giangurgolo calabrois

Il carattere del « giovane amoroso », che assume volta a volta i nomi di Flavio, Orazio, Lelio, Cinthio, impone all’interprete bell’aspetto, prestanza fisica voce gradevole, maniere di buona società e vestire alla moda, dovendo rappresentare l’ ideale maschile della sua epoca.

Il carattere del « giovane amoroso », che assume volta a volta i nomi di Flavio, Orazio, Lelio, Cinthio, impone all’interprete bell’aspetto, prestanza fisica voce gradevole, maniere di buona società e vestire alla moda, dovendo rappresentare l’ ideale maschile della sua epoca.

Valletto cinico e intrigante, disposto a ogni sotterfugio e a ogni commercio, che si ritrova nel teatro medioevale, e che i comici italiani tradussero in Francia, ospiti della Corte, nella maschera di Mezzetino, nome col quale solevano indicare i loro colleghi di scarsa statura (Mezzetino, cioè mezza misura).

Valletto cinico e intrigante, disposto a ogni sotterfugio e a ogni commercio, che si ritrova nel teatro medioevale, e che i comici italiani tradussero in Francia, ospiti della Corte, nella maschera di Mezzetino, nome col quale solevano indicare i loro colleghi di scarsa statura (Mezzetino, cioè mezza misura).

Chicchirichella (Al carnevale di Avigliano Umbro del 2015 fanno la loro comparsa quattro maschere umbre della Commedia dell'Arte, associate ai quattro rioni del paese: Nasotorto, Nasoacciaccato, Chicchirichella e Rosalinda.Vengono fatte risalire a una filastrocca del cinquecento e parlano nel dialetto di quella parte dell'Umbria che va dall'Alta Valle del Tevere fino alla Conca Ternana)

Chicchirichella (Al carnevale di Avigliano Umbro del 2015 fanno la loro comparsa quattro maschere umbre della Commedia dell'Arte, associate ai quattro rioni del paese: Nasotorto, Nasoacciaccato, Chicchirichella e Rosalinda.Vengono fatte risalire a una filastrocca del cinquecento e parlano nel dialetto di quella parte dell'Umbria che va dall'Alta Valle del Tevere fino alla Conca Ternana)

Quel carattere, sempre in età piuttosto avanzata, astuto nell’avarizia, ma stolido nella presunzione, che a Bologna si espresse nella figura del dottor Ballanzone e che a Venezia raggiunse, con Pantalone dei Bisognosi, una figura quasi d’eroe nazionale della Serenissima, ebbe una prima fugace apparizione in Italia nella maschera di Cassandro, creata nel 1580 dalla Compagnia dei Gelosi, col nome di Cassandro da Siena.

Quel carattere, sempre in età piuttosto avanzata, astuto nell’avarizia, ma stolido nella presunzione, che a Bologna si espresse nella figura del dottor Ballanzone e che a Venezia raggiunse, con Pantalone dei Bisognosi, una figura quasi d’eroe nazionale della Serenissima, ebbe una prima fugace apparizione in Italia nella maschera di Cassandro, creata nel 1580 dalla Compagnia dei Gelosi, col nome di Cassandro da Siena.

Pinterest
Search